venerdì 30 gennaio 2009

ISOLA TIBERINA






Spesso amo girare per Roma senza avere una meta precisa e la città mi ricambia offrendomi sempre nuove emozioni.
L'Isola Tiberina mi affascina sia per l'antichità del luogo, sia perchè, attraversando i ponti d'accesso, si sente il rumore del Tevere che lì scorre abbastanza rapido. La veduta è incantevole e varia a seconda della luce del giorno e dell'ora .
Ho voluto, pertanto, realizzare un quilt che esprimesse la senzazione della dilatazione del tempo che avverto ogni volta che passo da quelle parti.
Per questo quilt, realizzato in occasione di un corso tenuto dalla carissima Annamaria Brenti, ho tinto le stoffe e le ho unite, sia a mano che a macchina, con la tecnica del pictorial.
Il disegno è stato tratto da una stampa del 1800.
Per fare il cielo e l'acqua ho prima tinto la stoffa bianca usando un pennello di gommapiuma e poi, per dare l'effetto "nuvole", ho tamponato con dell'ovatta intinta nella candeggina diluita.
Per la rete della barca ho utilizzato un pezzetto di tulle di cotone che mi ha regalato la mia amicaMaria Luisa Gariboldi.
Il trapunto è stato eseguito a mano.

1 commento:

Grazia ha detto...

Oh caspita.....sono senza parole!!!
Sei bravissima!!!
Salutami Maria Luisa...quando le gira bene e' simpatica! :)